top of page
  • Immagine del redattoreInsieme

È tempo del grazie

Nel libro del Qoelet c’è scritto che “c’è un tempo per ogni cosa” e per noi è arrivato il momento di dire due importanti grazie.


Un grazie di cuore va a tutti i volontari che anche quest’anno, in tanti momenti, forme e occasioni, hanno dedicato il loro tempo alla comunità. Non è scontato che sia così e non dev’essere scontato il loro ringraziamento.


Nell’ultima riunione del Consiglio Pastorale abbiamo avuto un breve scambio su questo punto, chiedendoci qual è la forma migliore per ringraziare coloro che prestano un servizio gratuito in Missione.


Sappiamo che il volontariato non si basa su una retribuzione, ma siamo anche convinti che ognuno di noi ha bisogno di sentirsi sostenuto e riconosciuto per chi è e per cosa fa. Non neghiamolo e non facciamo i finti umili: a tutti piace sentirsi dire “grazie per quello che hai fatto!”.





Come Comunità non riusciremo mai a trovare la forma giusta per dire grazie a tutti coloro che rendono viva la Missione, ma ci proviamo con le parole e con qualche momento di fraternità.


Dedicare del tempo alla comunità per me è indice di appartenenza e di corresponsabilità. Se la nostra Comunità è ancora così viva e dinamica è perché il volontariato ne rappresenta la colonna portante, attraverso il quale ci “prendiamo cura” (come recita il progetto pastorale annuale) di tutti.


Grazie, dunque, a tutti voi che incarnate le opere di misericordia di cui ci parla Gesù nel Vangelo e che insieme riusciamo a dare dei segni concreti e tangibili dell’attenzione della Chiesa verso tutti.


Il secondo grazie lo rivolgiamo in modo comunitario e particolare a Suor Albina, che dal 2008 è a servizio nella nostra Comunità. Come tutti già sapete, Sr. Albina rientrerà definitivamente in Italia per continuare il suo ministero apostolico là dove la sua responsabile la invierà. Suor Albina in questi anni ha testimoniato il Vangelo in diversi ambiti pastorali, a servizio dei piccoli e degli anziani. Ha svolto svariati incarichi, da quelli della diaconia a quelli liturgici. Ha dedicato molto tempo all’ascolto e all’accompagnamento delle persone. Penso di esprimere a nome di tutta la comunità il nostro grazie per questo suo servizio fatto con generosità e passione.


Le auguriamo di continuare con gioia il cammino che il Signore sta disegnando per lei, coscienti, come dice Gesù, che “la messe è molta e gli operai sono pochi”, che vuol dire: chi lavora per il Regno di Dio non va mai in pensione!

Auguri Sr. Albina e buon cammino di vita e di fede.


P. Antonio



 

Articolo apparso sul mensile della Missione Insieme no. 07-08, anno 2024.


La Missione pubblica Insieme, il mensile gratuito, a scopo formativo e informativo, in lingua italiana, in collaborazione con le Missioni di Burgdorf-Utzenstorf-Langenthal, Konolfingen, Solothurn, Thun e Olten.

Il periodico è in formato A4, in quadricromia e tratta tematiche diverse tra cui informazioni sulla Chiesa, sull'Italia, attività delle varie Comunità, problemi emigratori, sociali e politici.

È possibile richiedere l'invio del mensile a casa per posta ordinaria iscrivendosi presso l'ufficio di redazione oppure si può richiedere l'ultimo numero in formato pdf per e-mail.



6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page