top of page
  • Immagine del redattoreInsieme

In partenza... - il saluto di Sr. Albina

È giunto per me il tempo di lasciare Berna e la Comunità della Missione Cattolica di Lingua Italiana per un’altra Comunità.


I trasferimenti sono la conseguenza di una libera scelta fatta per rispondere ad una chiamata del Signore, che continua a chiamare a seguirlo attraverso le circostanze della vita. L’esperienza insegna che ogni trapianto, anche se doloroso, è per una crescita.

Con disponibilità e fiducia mi sto preparando a vivere una nuova tappa della mia vita.

Ho ripercorso in questi giorni con la mente e con il cuore i 16 anni vissuti insieme a voi come Collaboratrice Pastorale nella Missione Cattolica di Lingua Italiana.


Ho vissuto un lungo tratto della mia vita in mezzo a voi e, riandando a questo periodo, vedo persone, volti, emozioni… ed esprimo una commossa gratitudine al Signore e a voi tutti.

Mi avete aiutata, come Comunità, a crescere umanamente e spiritualmente, a consolidare la fedeltà al Signore, ad approfondire il suo amore per la Chiesa nella sua dimensione domestica, quella vissuta nella ferialità degli impegni e nella concretezza delle situazioni, una chiesa incarnata nella vita delle persone, vicina alla gente…. e a ciascuno.


In mezzo a voi ho cercato di essere una donna-suora di preghiera e di comunione nella contemplazione dell’amore di Dio, nella celebrazione Eucaristica quotidiana, nell’ ascolto della Parola e di ciascuno di voi, offrendo attenzione, accoglienza e condivisione sia nei momenti di gioia come in quelli di sofferenza per uno sfogo, una condivisione per superare difficoltà e scoraggiamento, guarire ferite, ritrovare serenità.


Sono stata edificata da tanti di voi – “la classe media della santità” - (papa Francesco) capaci di vivere l’eroismo della fedeltà quotidiana al Signore, alla propria famiglia, capaci di sacrifici e dedizione gratuita, sensibili ai bisognosi e alle necessità degli altri, solidali con chi vive momenti di difficoltà e sofferenza.


C’è un tessuto di valori che permea ancora la nostra realtà ecclesiale che permette di guardare al presente e al futuro con speranza e fiducia.

Ringrazio i molti – non faccio nomi per non dimenticare alcuno – con i quali ho condiviso responsabilità ed impegni,  tutti coloro che con discrezione e generosità mi sono stati vicini e mi hanno aiutata nei diversi ambiti della vita della Missione cercando di coltivare rapporti di fiducia, rispetto, cordialità, esempio di testimonianza credibile, nella consapevolezza che il contributo pastorale più efficace è la preghiera e lo spirito di comunione che cerca di fare sintesi di personalità, caratteri e visioni diverse e che antepone il bene della Comunità a tutte le progettazioni personali.





Ringrazio tutti per la benevola accoglienza e stima nei confronti delle Suore di S. Giuseppe che dal lontano 1960 sono state in mezzo a voi e per voi hanno donato tutte loro stesse.

Consapevole delle mie lacune e dei miei limiti mi affido alla benevolenza del Signore e alla vostra comprensione.


Un pensiero riconoscente e un saluto particolare agli ammalati: ho sempre considerato la loro sofferenza un dono prezioso e un contributo insostituibile per la vita della Missione.

Il mio augurio: continuate ad aprire il cuore all’amore che viene dall’alto, gioite del fatto che appartenete a Lui, trasmettete a tutti la sua tenerezza e la sua misericordia, cantate con gioia le meraviglie del Signore.


Vi auguro di saper condividere le energie, le idee, anche le preoccupazioni o le angosce per progettare insieme – in forma sinodale – il cammino dei prossimi anni. Vi auguro di imparare a condividere anche il cammino di fede superando una concezione privata dell’esperienza di Dio.


Il Signore vi ricompensi per la vostra affettuosa accoglienza nei miei confronti. Con un grande abbraccio.

A tutti assicuro la mia preghiera, chiedo al Signore di ricolmare delle sue benedizioni tutti voi, soprattutto i più fragili e bisognosi.


Tante cose cambiano nella vita: cambiano i luoghi, le esperienze, le comunità, i ruoli, le persone… ci conforta il pensiero che qualcosa non viene mai meno: l’amore che il Signore Gesù ha effuso nei nostri cuori e che ci mantiene sempre ed ovunque uniti.

Con questa certezza e con questa speranza parto portandovi tutti nel mio cuore e nella preghiera.

 

Sr.  Albina M. Migliore


 

Articolo apparso sul mensile della Missione Insieme no. 07-08, anno 2024.


La Missione pubblica Insieme, il mensile gratuito, a scopo formativo e informativo, in lingua italiana, in collaborazione con le Missioni di Burgdorf-Utzenstorf-Langenthal, Konolfingen, Solothurn, Thun e Olten.

Il periodico è in formato A4, in quadricromia e tratta tematiche diverse tra cui informazioni sulla Chiesa, sull'Italia, attività delle varie Comunità, problemi emigratori, sociali e politici.

È possibile richiedere l'invio del mensile a casa per posta ordinaria iscrivendosi presso l'ufficio di redazione oppure si può richiedere l'ultimo numero in formato pdf per e-mail.



29 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page