top of page

Uno sguardo sull’Internationales Marienfest di Berna

Intervista a Gerda Hauck, l’ideatrice di questo importante evento ormai più che ventennale. La prossima edizione si terrà domenica 15 ottobre 2023 presso la Chiesa Bruder Klaus di Berna.


Com’è nata l'idea di organizzare un festival internazionale in onore della Madonna? Quali sono state le motivazioni di questa decisione? Il motivo scatenante è stato il tema "Maria" nella nostra condivisione biblica internazionale. Questa condivisione biblica internazionale è stata un progetto successivo a due Impulswochen della chiesa Bruder Klaus (intorno al 1996), in cui il tema era "Essere Chiesa insieme" con le varie comunità linguistiche e i gruppi parrocchiali. Abbiamo scoperto che nella Bibbia ci sono pochi testi su Maria, ma abbiamo avuto un intenso scambio su come Maria viene celebrata nei diversi Paesi di origine dei partecipanti. Qui a Berna facciamo la stessa cosa, compresa una processione. Qual è il significato più profondo che la Madonna rappresenta in questa festa? Quali messaggi o valori si vogliono trasmettere attraverso l'evento? Dal mio punto di vista, i significati più profondi sono tre: 1. sperimentare reciprocamente la diversità tra le diverse "Marie". 2. imparare gli uni dagli altri quanto Maria sia profondamente radicata in noi. 3. quanto Maria sia essenziale per molti per dominare la vita; ad esempio, in tempo di guerra, in fuga, nelle crisi personali, nei momenti in cui la coesione della famiglia è in pericolo, ecc. L’essenziale comprende anche: poter condividere con Maria la gioia e la gratitudine nella propria vita. E infine, ma non meno importante: Maria aiuta anche a non perdere la speranza nella giustizia (vedi Magnificat). Qual è stata la risposta delle persone e delle comunità coinvolte nelle prime edizioni di questa festa? Può raccontarci qualche aneddoto importante a questo proposito? Ci sono sicuramente molti aneddoti. All'inizio ho notato che i singoli gruppi sembravano comunicare molto bene al loro interno, ma erano piuttosto riservati nei confronti degli altri. Tuttavia, non è stato sempre facile per i leader dei singoli gruppi perché c'erano anche tensioni all'interno dei gruppi. Ma alla fine, questo è qualcosa che ogni parrocchia conosce. Nel corso degli anni, credo sia cresciuta la consapevolezza di essere chiesa insieme. Abbiamo imparato a conoscerci meglio e ad apprezzare la diversità. Uno degli aneddoti è senza dubbio "l'assalto al buffet", il gruppo responsabile dell'organizzazione ha imparato molto nel corso degli anni. L’Internationales Marienfest incorpora diverse culture e tradizioni. Come avete cercato di rendere l'evento inclusivo e rappresentativo di tutte queste diverse prospettive? Penso che non ci sia una ricetta. La cosa più importante è che i preparativi siano molto partecipativi, alla pari, compresa la preparazione dei contenuti, che ci si ascolti a vicenda, imparando gli uni dagli altri e in un ambiente nel quale tutti hanno gli stessi diritti. Anche i sacerdoti si sentono parte della comunità, non protagonisti su un piedistallo. Tra l'altro, abbiamo sempre avuto un quadro di preparazione fisso e non burocratico, dato che la maggior parte del gruppo centrale non può dedicare tutto il tempo che vuole (3 sessioni di preparazione di massimo 2 ore ciascuna). Inoltre, naturalmente, c'è l'impegno di tempo dei singoli capigruppo. Qual è il vostro momento preferito durante la festa? C'è qualcosa di speciale o memorabile che rimarrà sempre nel suo cuore? Ci sono un'infinità di momenti che mi toccano sempre profondamente. Per me è soprattutto l'incontro con persone e mentalità infinitamente diverse. Per me è come una scatola di apprendimento inesauribile. È toccante anche l'applauso di benvenuto per ogni gruppo (non è ancora chiaro se lo faremo anche quest'anno), la processione verso l'offertorio, la preparazione congiunta degli archi floreali, e tanti altri momenti. La storia della Marienfest di Berna è un libro vivente di 22 capitoli. Se non fosse stato per la pandemia, sarebbero stati addirittura 24 i capitoli. Su questo libro scrivono persone provenienti da quasi tutte le culture rappresentate nella Chiesa cattolica della regione di Berna. Se potessi scegliere personalmente un'immagine di copertina per questo libro, sceglierei un'immagine della Madonna del Manto.


Elisa Driussi, comunicazione MCLI Berna





15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page